18.10.13

Food stamps, 48 milioni gli affamati negli U.S.A.

Nel paese più indebitato rovinato miserabile sviluppato del mondo si contano oggi oltre 47 700 000 abitanti che mangiano esclusivamente grazie alla tessera del cibo. Come in guerra, anzi peggio che durante le guerre o dopo la crisi del '29, perchè quella in atto è LA guerra: dell'uomo contro altri uomini, animali, vegetali, contro giacimenti di petrolio o miniere di diamanti, insomma contro il Pianeta in un grande rito suicida di massa, una guerra che dura dallo stanziamento agricolo, non oltre 10 000 anni.
Analizzando dati e previsioni del Food and Nutrition Service* la barra dei 50 milioni pare sarà superata già entro la fine del 2014, questo anche senza un peggioramento della scena economica mondiale e nazionale. Ovvero ormai la soglia dei 40 000 000 di poveri che dipendono in tutto per tutto dalla spesa pubblica (e quindi dal debito che gli Americani si ostinano a non onorare) è considerata fisiologica, anzi destinata naturalmente ad aumentare, ed è vista da tutti come qualcosa con cui convivere.
Ho riassunto in questo grafico l'insostenibile aumento di americani che usufruiscono del programma alimentare di assistenza.
 
*link : http://www.fns.usda.gov/data-and-statistics
_________________

43 commenti:

  1. Aggiungo : il Premio Nobel ( nonché democratico ) Obama Barack é stato eletto Presidente il 4 novembre 2008 ...

    RispondiElimina
  2. In america almeno possono spostare la roulotte verso il nord ovest e quasi campare con 3-4 acri messi a patate...In Italia?..e cmq un paese con un componente pubblica che vale la metà della nostra , in cui per i parchi nazionali ( e non per i falsi forestali) si spende il triplo che da noi, è un paese meno peggiore del nostro tutto cemento e gerontofilia.Di converso se 1/4 degli italiani pesasse più di 150 kg succederebbero molte cose inaspettate anche da questa sponda della pozza...

    RispondiElimina
  3. anche qui non si scherza con tutti gli aiuti di stato più o meno palesi. Mi viene da pensare che siano in % molti più da noi, che in America i food stamps. E anche molto più generosi, che ci vanno anche a ballare alla scuola di ballo. D'altra parte come dicevano i romani: panem et circenses.

    RispondiElimina
  4. Agricoltura (alimenti), energia (petrolio), esaurimento risorse idriche (ambiente) sono tutti problemi importantissimi che ho voluto trattare nella mia App per Windows 8.1.
    Visto che il notevole prezzo (< 2 ero) ha fatto desistere molti dal comprarla, ho deciso di renderla gratuita (GRATIS).
    Almeno si diffonderà maggiormente una cultura su questi problemi fondata su dati quantitativi oggettivi.
    Quanta energia serve per sfamare x Milioni di persone?
    Quanta acqua si può desalinizzare per usi domestici o agricoli?
    ecc..
    Queste e tante altre domande troveranno una risposta quantitativa nella mia App già mandata per la certificazione e disponibile entro un paio di giorni.

    Chi volesse leggere una sintesi delle caratteristiche e trovare i link per poterla scaricare,
    si può collegare al mio sito:
    www.singolarsoft.it

    ----
    Caro Medo,
    io sono un ottimista realista,
    ma, ogni tanto, vedendo a come le persone agiscono,
    anche per la disperazione della crisi economica e della fame,
    incomincio a diventare un pò più pessimista come te... :-(

    RispondiElimina
  5. A me stupisce il fatto che i produttori agricoli e le industrie di trasformazione U.S.A. accettino ancora in pagamento dei dollari.
    Deve essere una montagna di dollari per comprare merce in grado di sfamare quasi 50 milioni di persone, montagna garantita alla fine da che? La FED?

    Va bene essere patriottici ma oltre un certo limite ci si suicida e basta.

    RispondiElimina
  6. Su 300 milioni di abitanti 48 milioni si sfamano grazie all'assistenza statale. Il 16% della popolazione.
    Troppo poco perché il paese salti come una polveriera. Mi sa che dovremo essere colonia yankee ancora per un po' di tempo.
    A Francesco dico di confidare nel futuro, prima o poi spunterà un novello Hitler che se la prenderà con gli anziani. A parte questa mia ironia, ma dico! Questo livore verso la terza età proprio non lo capisco! Non c'è un tuo intervento in cui manchi un qualche richiamo negativo verso gli anziani.
    Boh?

    RispondiElimina
  7. Naziganzetti strikes back, Paolo. Basta lasciarlo perdere, quando sarà il momento qualche suo vicino lo farà saltare per aria e ce ne saremo liberati per sempre. Come se mengele non dovesse invecchiare.

    RispondiElimina
  8. SMOG!!!
    http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/cina_smog_harbin_paralizza_traffico_scuole_aeroporto/notizie/342956.shtml

    [Sarcasmo ON]
    Non vi preoccupate per le fonti energetiche, tanto CARBONE ce nè per altri 3 secoli!
    [Sarcasmo OFF]

    Il problema per gli abitanti di questa città cinese, non è la mancanza di fonti energetiche,
    ma l'abbondanza della fonte energetica più inquinante dell'aria, il CARBONE!

    Tra un pò, la Cina diventerà il Paese più ambientalista del mondo (l'intenzione ci sarebbe, ma dove la prendono se no l'energia?), oppure non ci saranno più cinesi (morti per inquinamento).

    Vorrei però spezzare una lancia contro la solita critica distruttiva dei potenti politici che se ne fregano del popolo...
    La Cina come tutti gli altri Paesi, con una popolazione ormai troppo numerosa, aveva solo l'imbarazzo di scegliere di quale morte far morire la popolazione: sviluppata e inquinata, oppure povera e affamata!

    Il problema è che ad oggi,
    non esiste una SOLUZIONE al problema energetico mondiale!

    P.S:
    anzi, qualcuno dice che c'è....
    lo Shale Gas/Oil !!
    (ah ah ah ah.... si ride per non piangere!)

    RispondiElimina
  9. x Paolo:
    x David Addison:
    Temo che siate non so se dire ottimisti o "complottisti".
    A fronte di un calo drastico delle risorse semplicemente aumenterà la mortalità e la biologia prevede che siano i meno forti a soccombere (tra i quali gli anziani).
    Ma non perché ci sarà Mengele o Hitler (dimenticate sempre che lo stato più genocida, omicida ed ecocida non fu il Terzo Reich ma sono gli USA, la vs. top ten dei cattivoni è da aggiornare) ma perché nonna Emma cadrà rompendosi il femore e non arriverà l'ambulanza perché la strada è franata e comune o provincia non hanno più avuto da 13 anni le risorse per ripararla, perché lo zio Franco ha avuto un aneurisma e la TAC non funzionava da mesi per un pezzo di ricambio mancante perché lo stato ha messo i pochi denari nella distruzione della Val Susa o di Expo '15, perché l'influ di bisnonno Igor è diventata polmonite e gli antibiotici non sono stati efficaci.
    Se vi illudete che esista Il Cattivo vi illudete pure che egli sia il problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quoto per filo e per segno

      Elimina
    2. Non penso che ganzetti sia cattivo ma semplicemente privo di neuroni e sentimenti.

      Essendo quasi valsusino e amico di innumerevoli notav so perfettamente come stanno andando le cose, e credo anche - né ottimismo né complottismo, semplice conoscenza diretta dei fatti - che le armate sitav non passeranno.

      Il fatto è che gente del genere fa credere agli illusi che il nemico sia il vecchio, lo straniero, il diverso in generale; ecco perché non sopporto una simile genìa.

      Non dimentichiamo infine che in futuro saranno i bamnbini a diventare la fascia di popolazione più colpita quando la sanità collasserà. Una mia trisnonna, vissuta nella seconda metà dell''800, ebbe 21 figli: 18 nati vivi, 11 arrivati alla maggiore età che credo all'epoca fosse a 21 anni. Viveva nel pinerolese (provincia di Torino).

      Elimina
    3. I sentimenti non sono sufficienti per affrontare o risolvere i problemi.
      Ti faresti operare da un cardiochirurgo simpaticissimo, buono, sensibile, compassionevole e incaoace?

      Elimina
    4. No, ma nemmeno da quello. Comunque qui si stava discutendo di sentimenti intesi come il comune intendere la resilienza per il futuro, quando ogni persona sarà importante per il contributo che potrà fornire alla comunità, e in ciò il ganz non verrebbe considerato neppure vagamente umano.

      Elimina
  10. Invece il problema è il sistema e il sistema non è Adolf, non ha un tiranno. Il sistema è il numero, sono io siete voi, sono i consumi, è che dove ora c'è il palazzo da dove leggete una volta c'era un campo che produceva fagioli, farro, legna e ossigeno, è che tra dieci giorni Pierpaolo che gestì la vendita del palazzo che ti ospita, con l'evasione di questa settimana utilizza quei denari che il comune avrebbe usato per la frana della strada che porta lassù alla frazione di Monculano dove abita Emma, prenderà l'aereo per un uichend lungo a Miami o all'Hermitage a Sanpietroburgo con moglie e quattro figli.
    Solo che Mengele era più semplicemente cattivo anche se morte e distruzione dovute a varie centinaio di milioni di Pierpaolo, Chandu, Aaron, Ismael, Sergei, sono oggettivamente molto più ecocidi e quindi anche omicidi.

    Nelle società sane molti anziani detengono conoscenza, saperi, esperienza, saggezza, filosofia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che il lettore Francesco quando parlava di paese Italia affetto da gerentofilia intendesse dire che siamo governati da vecchi.

      E questo è innegabile.
      L'anziano è pessimista per natura perchè é timoroso del nuovo e sfasato rispetto alla realtà. Crede che il mondo debba morire con lui.

      Poi anche le vs. critiche come quelle di Medo son corrette e da me condivise,

      Elimina
    2. Sebbene qualita' politica e eta' anagrafica siano dimensioni ortogonali, a parita' di condizioni, probabilisticamente un anziano è più saggio di un giovane.
      Storicamente i vertici delle strutture sociali sono presidiati da persone con piu' esperienza.

      E' il comandandate ad essere maturo e il mozzo ad essere pischello, sulla nave.
      I regaz e i giovanotti e le giovanotte non sono in genere il capo villaggio, che e' una perisona anziana o matura.
      Se io dovessi farmi operare da un cardiochirurgo, gradirei che non fosse affatto freschissimo degli ultimi per_quanto_straordinariamente_avanzati studi ma abbia una buona esperienza.

      Anziano pessimista?
      Giovane ottimista? irresponsabile?

      Probabile che ci siano anziani pessiisti, realisti ed ottimisti
      come giovani pessiisti, realisti ed ottimisti.
      No?!

      Con tutte le eccezioni del caso, che se uno e' un pirla lo è a prescindere che abbia 30, 50 o 70 anni.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Ho sempre odiato gli anziani perchè nel nostro tipo di società sono inutili (tranne quando fanno fare utili, una volta indossati i pannoloni ed inseriti in cliniche, etc.), incattiviti, disturbanti. Ma più di tutto odio il modello di società che ha portato a vedere nei vecchi un nuovo oggetto inutile da detestare. E odio un po' anche me stesso. Non volevo pronunciarmi oltre sul tema vecchi da eliminare, etc.
      Leggetevi "Pannoloni verdi" delle edizioni Sensibili alle foglie, l'ho fatto e quasi mi veniva da vomitare di disgusto..., e capirete in che guaio l'umanità progredita si è cacciata, assolutamente con il beneplacito della specie e di migliaia di individui gestori del vivere comune. http://www.libreriasensibiliallefoglie.com/dettagli.asp?sid=6470250820100928025411&idp=12

      Elimina
    5. Vorrei che sia chiaro che il mio disgusto per gli anziani non implica la loro eliminazione in nessun modo. Semmai un giorno fossi imperatore e si dovesse eliminare qualcuno, partirei proprio da certi giovani che vedo ronzarmi attorno sempre più spesso e la cui utilità è pari a zero. Detto questo, il concetto che tutto debba essere utile è tutto da vedere, ma vista la rarità dell'esperienza vitale attiva, non consacrare la propria esistenza a null'altro che a morte, violenza, scemate è un crimine contro l'umanità che non posso perdonare per l'appunto a tanti dei nostri "giovani" di sto cazzo. E parla uno che non è ancora vecchio (34 anni) ma si trova piu solidale con gli odiati anziani che con gli odiatissimi giovinotti.

      Elimina
    6. La societa' liquida ha esteso l'USA&getta alle persone. E' nella sua "natura".
      Chiaramente la macchina efficiente per produrre sprechi, consumismo e inefficienze non e' compatibile con persone che hanno tassi di produci-consuma minori e quindi li avvierebbe volentieri verso il krepa, magari sfruttandoli con i Pannoloni Verdi regressivi e induttivi verso l'ultimo respiro per un po' di BAU e PIL aggiuntivo.
      Il fatto che si tenda a rottamare persone che in genere possono avere qualche saggezza in piu' puo' far riflettere su 'sto mondo.
      Ma non sarei cosi' pessimista: non sappiamo come andavano gli ottantenni o i novantemi una volta, perche' semplicemente non arrivavano a quell'eta', venivano consumati da fatica e stenti molto prima.

      Elimina
  11. ..Ricordo ai buonisti, girini della penultima generazione probabilmente prima di diventare cannibali, come accade puntualmente in natura in uno stagno, che gli yankies, nonostante tutto, premono sul loro territorio per la metà di quanto facciamo noi italioti...Poi è chiaro che il Canada o la più vicina a noi Svezia non solo geograficamente sono esempi più edificanti, ma si tornerà alla sostenibilità per forza o con provvedimenti draconiani nel senso di adeguati alla durezza della rupe Tarpea , oppure saremo spinti giù dalla rupe Tarpea dagli altri lemming...Più stato tagliamo oggi, anzi ieri, più stato avremo domani...Meno stato sarà destinato ai servizi e monte stipendi in favore di investimenti in resilienza dei suoli ed energetica, più energia elettrica per tot ora al giorno avremo fra qualche anno..A meno che non vi auguriate una escalation nel consumo del carbone per qualche altro decennio per mantenere una parvenza di diritti individuali per altri 3-4 lustri e più 6 gradi fra 50 anni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il controllo demografico si ottiene o con la limitazione e il controllo delle nascite (non con l'aborto) o tagliando i servizi fino all'osso e lasciando al proprio destino tanti anziani poveri e preda di patologie tipiche della terza età (non certo la super pagata gerontocrazia bancaria e politica). Tu ovviamente propendi per la seconda ipotesi.
      Continuo a non capire il tuo livore verso gli anziani.

      Elimina
    2. Il terrore folle di diventarlo, probabilmente, o problemi irrisolti in famiglia e infanzia travagliata. E' un probabile candidato all'Alzheimer.

      Elimina
    3. > non con l'aborto

      Si e no.
      Nel senso che ora che ci sono mezzi di contraccezione, le probabilità di dover utilizzare l'aborto per controllo delle nascite si sono molto ridotte, NON annullate.

      In alcune culture nelle quali la stabilità e demografico erano indispensabili per la stessa sopravvivenza (e in assenza di contraccettivi) l'aborto era un atto comune e non certo deprecato. Insomma esisteva una sorta di etica sociale, ecologica dell'aborto.

      Elimina
  12. Gli Stati Uniti stanno ben peggio dell'Italia ad impronta ecologica, si son pappati un continente in due secoli... http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_ecological_footprint

    RispondiElimina
  13. ..L loro improta ecologica e' circa il doppio dell europeo medio, ma in rapporto all ' italia consumano solo il doppio delle risorse che il loro territorio da solo permetterebbe, mentre noi 4 volte tanto..Poi bisogna consderare che pr vari motivi, anche culturali, loro possono benissimo scalare verso il meo grande il consumo di risorse pro capite, noi siamo in un cul de sac...

    RispondiElimina
  14. Sta già fermentando di nascosto la richiesta di eutanasia.(vedi Carlo Lizzani)
    Nessuno, che non sia un sadico verso sè stesso desidera vivere, quando la sofferenza disfa ogni dignità dell'esistenza.
    Molti anziani affretterebbero la loro dipartita se lo potessero fare scegliendola in un clima compassionevole e non ipocrita.
    Il clero ha dei macigni di responsabilità in tutto questo.Insieme alla combriccola "tutto chiacchere e privilegi usurpati".
    Ma ormai la retorica della sofferenza patita e sopportata ad "majorem gloria Dei" non fa più presa sulle masse stordite dall'edonismo alimentato da risorse fossili.
    Se si vivesse di solo pane ancora non saremmo troppo nei guai, ma un conto è sfamarsi accovacciati e con il muso dentro il truogolo, un altro pranzare seduti ad una tavola apparecchiata, o anche su un tappeto con le vivande accomodate su di un piatto.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Olanda la pratica dell'eutanasia ha portato al raddoppio ogni anno del numero dei candidati e uno studio governativo ha appurato che nel 2012 il 90% delle eutanasie praticate a domicilio (con l'equipe mobile di infermieri e medici) non era in realtà motivata da insopportabili ed ineluttabili sofferenze e non si tratta solo di vecchi o infermi. Quindi, già oggi, la gente non vuole piu vivere per ragioni diverse da quelle strettamente sanitarie. Ovvero, causa crisi sociale e culturale (quella si mi pare irreversibile). Qui un punto della situazione non proprio recente sull'Olanda (in francese): http://leblogdejeannesmits.blogspot.fr/2010/08/pays-bas-leuthanasie-continue-de.html

      Elimina
  15. medo che ne pensi del progetto bitcoin, dove ci porterà?

    RispondiElimina
  16. OT: App dedicata a: energia, ambiente, economia collegata all'energia, disastri, fisica nucleare e prospettive future anche a lungo termine...

    Finalmente disponibile gratis nello Store l'App:
    Singolarsoft free - Energy

    Sono in preparazione i video tutorial, chi vuole suggerire alcuni temi da trattare quanto prima, metta un commento nel blog.

    Trovate tutti i link qui:
    www.singolarsoft.it

    RispondiElimina
  17. Forse... tutto quel petrolio che pensavano di trovare in Brasile... non c'è!

    http://in.reuters.com/article/2013/10/30/brazil-batista-idINL1N0IK1XS20131030

    RispondiElimina
  18. @Medo

    non c'entra nulla col tema del tuo articolo ma che sta succedendo in Bretagna?

    Lo ammetto sono un poco fissato, ma son fermamente convinto che sarà la Francia a dare il via alle danze sia per la situazione economica (disastrosa anche se per il momento ben camuffata), che per ragioni storiche.

    RispondiElimina
  19. OT:
    Ho pubblicato un video intitolato "Crisi economica e crisi energetica".
    Penso che, solo mettendo in evidenza le conseguenze economiche, si può portare all'attenzione il problema energetico.
    Il link del video si può trovare sia nel mio sito:
    www.singolarsoft.it

    o andare direttamente su Youtube:
    https://www.youtube.com/watch?v=eRDPuLGcMGo

    RispondiElimina
  20. Medooooooooooo ... dove sei?

    le voci sulla rivolta bretone si intensificano (letto qui ) e tu che sei il nostro cronista profeta affidabile, taci?

    Ce n'est pas bien monsieur Medò :-))))

    RispondiElimina
  21. Qualsiasi cosa accade in questo presente, è stata profetizzata da qualcuno. Più o meno scientificamente. Le danze in Francia sono cominciate nel 2005 con le rivolte dei "giovani" (sinonimo locale di arabi e figli di immigrati). Creperanno in tanti, ma non subito e non in modi eclatanti, purtroppo. E' una rivolta lenta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Medo

      come purtroppo?
      Non vorrai mica dire che anche tu, al pari allo psicopatico che scrive questo commento, ritieni ormai che la gran mattanza sia ormai inevitabile perchè necessaria (per salvare la specie. Opoinione dello psicopatico ovviamente)?

      Elimina
    2. Semplicemente Medo ha capito che Dio (l'Essere greco-Heideggeriano) secondo i nostri parametri morali è uno "psicopatico"......

      Elimina
  22. Se avessi un blog pubblicherei questa notizia
    http://www.wallstreetitalia.com/article/1646118/energia/europa-gas-di-scisto-portera-fino-a-3-8-mila-miliardi.aspx

    Scaroni dice che praticamente EU può produrre gas a livello russo, e che addirittura fa previsioni fino al 2050.... dove ancora uomo avrà quantitativi infiniti di petrolio-gas-carbone ......!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sanno bene quale sia la verità; sperano in un miracolo. Sarei curioso di sapere piuttosto quanti soldi hanno ficcato nelle aziende statunitensi impegnate con il gas.

      Elimina
  23. "Dall'inizio degli anni Sessanta ad oggi la superficie glaciale sulle montagne del Piemonte si è dimezzata."

    http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=185063

    Il problema è che il petrolio stia finendo... o che ancora non stia finendo?
    cioé:
    Preferiamo la padella o la brace?

    RispondiElimina